Le "imprese" dei nostri iscritti (e non solo)

Iliano Tani alla Parigi-Brest-Parigi 2007

Indice articoli

Iliano Tani alla Parigi-Brest-Parigi 2007
E' riuscito nell'impresa il portacolori del Pedale Cesenate Cicli Neri, ed ha cocncluso la Paris-Brest-Paris con un tempo inferiore alle 70 ore, dico settanta, segliendo prima della partenza il tempo max ipotetico in ore 80 per il tragitto, tra le tre possibilità di 80-84 e 90 ore. Iliano alla PBP

Questa Randonè si estende su di un percorso (mangia e bevi) di sali e scendi continui, per oltre 1200 km, dove quest'anno l'hanno fatta da padrone le condizioni atmosferiche avverse, che hanno accompagnato i nostri corridori con pioggia, vento e temperature mai superiori ai 13 gradi per circa 50 ore di bici,dando così alla manifestazione i connotati di impresa eroica. Infatti, dal lontano 1891, quando si cominciò a tenere ogni 4 anni la Paris-Brest-Paris, non si ricorda una edizione tanto piovosa. Simpaticamente pazzo agli occhi degli amici del Pedale Cesenate Cicli Neri, Iliano Tani (il turbo-diesel) è riuscito nell'obbiettivo prefissatosi da mesi, così come gli altri tre amici, che al progetto si erano dedicati anima e corpo: Iliano Rossi (il trascinatore), Gianluca Borgassa (il professore calcolatore) ed Eris Zama (espertissimo in questo tipo di gare di resistenza). Tutti sono riusciti a trovare le motivazioni giuste, che poi si possono riassumere nella voglia di trovare il proprio limite per poi poterlo superare. Ma come si fa a superare il limite del dolore psico-fisico?

In una intervista rilasciataci da Iliano che presto pubblicheremo su questo sito la risposta.

E' così che Iliano, reduce da questa impresa e forte di una preparazione atletica ottimale dovuta in primis alle grandi capacità caratteriali che egli possiede, ha la forza di trascinare tutti i sabati, altri 20 amici del gruppo a cui appartiene, i quali, mangiando km su km nell'entroterra Romagnolo e sull'appennino Tosco-Romagnolo, tra fatica, natura e divertimento, si allenano alle future fatiche.

E allora evviva i ciclisti come Iliano che rendono questo sport bello, alle volte estremo, ma sicuramente unico.